Pedro, il mostro e la nascita del parco di Malnate

Nel paese di Malnate abitava un cattivissimo mostro di nome Lot. Era tutto blu, con gli occhi fuori dalle orbite e i piedi puzzolenti. Quando Lot si avvicinava, si sentiva subito a causa della sua puzza insopportabile: sembrava di infilare il naso in un calzino sporco. Si dice che alcuni siano addirittura svenuti per la sua puzza.

Il mostro Lot cercava sempre di far litigare i bambini oppure di far innervosire gli adulti: insomma lui era contento solo se tutti avevano i musi lunghi ed erano arrabbiati. Infatti quando una persona ha questo umore non vuole né giocare né ridere.

Per fortuna, però, a Malnate è nato un bambino di nome Pedro. Pedro è un grande tifoso di basket, ama mangiare la pasta al ragù e ha una sedia a rotelle per andare in giro perché non può camminare. Ma la caratteristica fondamentale di Pedro è che ha un coraggio incredibile, simile al coraggio che hanno i supereroi.

Pedro voleva capire perché il mostro Lot non volesse che le persone di divertissero. A lui sembrava una cosa molto stupida essere sempre seri e arrabbiati. Allora Pedro pensò di andare a chiederglielo. Prima di andare prese una molletta, di quelle che la sua mamma usa per stendere i panni. Così, dopo essersi messo la molletta sul naso in modo da non sentire la puzza dei piedi di Lot, entrò nella sua caverna…

In quel momento Lot stava dormendo, e tutti sanno che svegliare un mostro che dorme può essere mooolto pericoloso. Proprio mentre Pedro stava pensando cosa fare, Lot si svegliò di colpo e guardò Pedro meravigliato: mai nessuno aveva osato entrare nella sua caverna. Lot sembrava pronto per mangiarsi Pedro in un solo boccone. Ma proprio mentre stava aprendo la sua bocca, che aveva denti aguzzi come quelli dei draghi, Pedro disse:

 – No, asbetta non mangiarmi ber bavore… -.

Siccome aveva la moletta sul naso la voce gli uscì un po’ diversa, un po’ come quando si ha un raffreddore molto forte. Il mostro si bloccò di colpo e invece che azzannare Pedro incominciò a ridere a crepapelle!!!

Non aveva mai sentito in vita sua una voce così ridicola. E più Pedro parlava, più il mostro rideva. Quando finalmente smise di ridere, Pedro gli chiese:

– Perché non vuoi che le persone si divertano? –

A quel punto Lot si fece serio e rispose:

– Perché nessuno vuole mai giocare con me, sono troppo spaventoso e troppo puzzolente. E siccome io non posso divertirmi, non voglio che nessuno giochi e rida più! -.

Quella sera, quando Pedro ritornò a casa, ripensò alle parole del mostro. Lui capiva cosa provava Lot, infatti a volte giocare stando sulla carrozzina era difficile, ad esempio al parco non c’erano giochi adatti a lui, e questo a volte lo rendeva triste.

Proprio mentre Pedro pensava a queste cose, gli venne un’idea geniale: perché non costruire un parco dove tutti, ma proprio tutti, potessero giocare assieme??!

Avrebbe dovuto chiedere il permesso al sindaco, e anche l’aiuto della sua famiglia e dei suoi amici per raccogliere i soldi necessari. Ah, avrebbe anche dovuto portare al mostro un sapone molto potente, altrimenti quando sarebbe venuto al parco sarebbero svenuti tutti quanti dalla puzza. E così andò. Dall’atto coraggioso di Pedro è nato il bellissimo Parco Per Tutti. Ogni tanto anche Lot gioca al parco, ormai non è più cattivo. E quando arriva tutti i bambini lo fanno divertire tappandosi il naso con una moletta o con le dita.

Da allora a Malnate vissero tutti giocando e divertendosi!!

Scarica la favola e il disegno (clicca qui→)

Visita la pagina facebook del parco (clicca qui→) 

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. silvia ha detto:

    Bellissima storia e anche l‘illustrazione!!! Viene voglia di farsi subito un giro al parco!!!!! Complimenti alle autrici!!!!!!!

    1. Carola A. ha detto:

      Grazie mille!!

  2. Daria ha detto:

    Complimenti…. i visi imbambolati dei bimbi mentre l’attore recitava la tua favola dicevano tutto: sei bravissima!!

    1. Carola A. ha detto:

      Grazie di cuore!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...