Donne che odiano le donne

“Ha un fisico strepitoso, va in palestra tutti i giorni: ci credo, si fa mantenere dal marito, e secondo me gli mette pure le corna…”

“Lavora un sacco, praticamente tutto quello che guadagna lo spende per la tata. Non le converrebbe stare a casa e crescere i suoi figli anziché delegare gli altri di farlo?”

“Ha lasciato il lavoro per curare i figli, che retrograda!”

“Si è fatta mettere incinta per farsi sposare…”

“Fa la casalinga ma ha due donne delle pulizia. Sarebbe più corretto dire che fa la principessa!”

“Si è presa mille impegni, oltre al lavoro si è buttata in politica e candidata come rappresentante di classe. Pensa di essere Wonder Woman invece è solo isterica”

“Ha appena partorito ed è già in forma strepitosa, secondo me sta diventando anoressica…”

“E’ una balena, se continua così suo marito la lascia per una più magra!”

“Ha due bicipiti che sembra un uomo!”

“E’ una zitella…”

“E’ una troia…”

“E’ un cesso…”

“E’ una di quelle a cui piacciono gli uomini più giovani di lei…”

“Vestita così chi pensa di conquistare? Sembra una suora!”

“Al posto di quella gonna inguinale tanto valeva mettersi in testa un cartello con scritto: SONO UNA FACILE! Che volgare!”

“E’ sottomessa al suo uomo, si fa trattare male, che sfigata!”

“Decide tutto lei, fa l’uomo di casa, poveretto suo marito!”

“Si è buttata nella carriera, per forza, chi se la sposa una così?”

“Chissà come ha fatto a raggiungere quei livelli, di certo la sua bellezza l’ha aiutata. E non poco…”

“E’ rifatta, si vede benissimo!”

“Ha un naso enorme, è orribile, dovrebbe farsi una rinoplastica!”

Tutte noi abbiamo pronunciato una frase simile. E tutte noi siamo state – almeno una volta – la donna di cui queste frasi parlano.

Ed è proprio per questa doppio ruolo, di giudicanti e giudicate, che dovremmo sforzarci di smetterla di dire cattiverie l’una nei confronti dell’altra!

Dovremmo smetterla di sentirci autorizzate a giudicare le donne che, per scelta o per destino, sono diverse da noi.

Sono convinta che esistano almeno tre buoni motivi per provarci:

Uno. Quelle donne combattono la propria battaglia personale, proprio come noi! Probabilmente saranno anche le prime a giudicare se stesse sbagliate, brutte, fallite o acide. E probabilmente saranno le prime a soffrirne.

Due. Il nostro giudizio non farà il bene di quelle donne. Né tantomeno ci renderà più simpatiche, più carine o più intelligenti agli occhi degli altri.

Tre. Il nostro essere sprezzanti nei confronti di un’altra farà in modo che un uomo in più si senta autorizzato a fare lo stesso: screditare o deridere una donna. Per quello che fa, o per come è.

Giudicare è inevitabile, per questo motivo dovremmo imparare a farlo bene. A farlo in modo più costruttivo e meno subdolo. Dovremmo imparare – soprattutto – a farlo indipendentemente che quella persona sia una donna o un uomo.

Dovremmo provare a usare di più ‘Mi sta antipatica perché…’ anziché ‘Sembra che abbia il ciclo quando…’.

Io sono convinta che questo sia il primo passo per ridurre il numero di uomini che – con le parole ma anche con le botte – si sentono dalla parte della ragione quando odiano una donna.

Perché in fondo odiarne una non è un po’ come odiarle tutte?

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. patrizia ha detto:

    Io sono una delle ‘retrograde’ che hanno lasciato il lavoro per curare i figli! Grazie per queste parole, mi hanno fatto sorridere e pensare in po’.

    Complimentii!!!

    1. Carola A. ha detto:

      Grazie mille Patrizia! 😊😊

  2. Sabri ha detto:

    Ti sto leggendo spesso.
    Sei veramente brava.
    Complimenti.
    …e mi hai fatto sorridere…conosci bene il genere 😜

    1. Carola A. ha detto:

      😂😂😂😂

      Grazie mille Sabri😊

  3. maliziosamente ha detto:

    la vita è fatta di scelte, e noi purtroppo in certe occasioni pensiamo che solo le nostre siano quelle giuste e migliori

    1. Carola A. ha detto:

      è proprio così! purtroppo…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...